You are here:   Home News Notizie brevi Asian Film Festival 10: retrospettiva Tsukamoto Shinya

Asian Film Festival 10: retrospettiva Tsukamoto Shinya

Friday, 10 February 2012 15:00 News - Notizie brevi
Print

tsukamoto_shinyaLa retrospettiva della 10ma edizione dell'Asian Film Festival, che si terrà a Reggio Emilia dal 16 al 24 marzo, è dedicata a Tsukamoto Shinya, uno dei più importanti registi giapponesi contemporanei, omaggiato anche con un premio alla carriera. Alla presenza dell'autore, che incontrerà giornalisti e pubblico, sarà presentato praticamente tutto il suo cinema, incluso il più recente Kotoko. Autore di numerosi capolavori - dalla frenesia iconoclasta degli esordi ai più raffinati e complessi affondi del presente - Tsukamoto esplora con acume e coraggio il rapporto corpo-tecnologia, come nella trilogia di Tetsuo, le profondità della psiche umana, come in Vital e Gemini, l'erotismo conturbante, come in A Snake of June, o il concetto stesso di realtà, come nei due Nightmare Detective.

Molto amato in Italia - è infatti stato premiato alla Mostra del Cinema di Venezia sia nel 2002 che nel 2011, oltre a essere stato trasmesso da Fuori Orario - Tsukamoto concentra la sua attenzione ossessiva sul rapporto tra umano e artificiale, sulle compenetrazioni tra sogno e realtà, sui cortocircuiti tra pensieri e azioni, indagando senza ipocrisie nelle più allucinanti fobie della modernità. Tutti i film di Tsukamoto dividono profondamente il pubblico, ricostruendo un  percorso altamente personale nella psiche e nella corporeità dell'uomo che ricorda la forza visionaria di David Lynch e la coerenza straniante di David Cronenberg.
Le sue prime opere, in particolare Tetsuo e Tetsuo II, sono state talmente apprezzate da diventare ormai stilemi classici del cinema cyberpunk. I suoi film più recenti, da Vital al recentissimo Kotoko, trascendono qualsiasi limite di genere e si pongono come riflessioni innovative e iconoclaste sulla realtà, il sogno, l'essenza più intima e nascosta degli esseri umani. Spesso attore nei suoi film, si è rifatto al teatro giapponese nelle sue innovative intuizioni nell’uso del sonoro e delle gestualità dei suoi attori. Le sue capacità attoriali, apprezzate da vari registi giapponesi, lo hanno portato a lavorare, tra gli altri, con Miike Takashi e Shimizu Takashi.
Reggio Emilia omaggia con questo premio un autore innovativo, grande indagatore della parte oscura dello sviluppo tecnologico moderno, non a caso figlio della cultura giapponese. Il tema farà da filo conduttore a tutto l’Asian Film Festival 10, che presenterà oltre quaranta pellicole provenienti dall'estremo oriente, in una stimolante panoramica da cinematografie sempre più importanti come Giappone, Cina, Corea del Sud, Taiwan, Thailandia, Hong Kong, Singapore, Vietnam e Malesia. Non mancheranno incontri e appuntamenti collaterali per approfondire la conoscenza dei diversi paesi.

sitemap
Share on facebook
This site uses encryption for transmitting your passwords. ratmilwebsolutions.com