You are here:   Home

Ultimi aggiornamenti

DONTREY – THE MUSIC OF CAMBODIA (2011)

dontrey_the_music_of_cambodiaIl tedesco Tilman Baumgärtel, docente presso il Department of Media and Communication della Royal University of Phnom Penh, continua il suo studio sulle arti performative e popolari cambogiane. Giunge quindi a questo Dontrey – The Music of Cambodia, nuovo volumetto che nasce come pubblicazione gemella del precedente Kon – The Cinema of Cambodia. Se nel lavoro del 2010 si occupava del cinema cambogiano, qui il suo gruppo di ricerca si focalizza sull’analisi dell’evoluzione musicale nel paese del Sud Est asiatico, confermando tutti i pregi già presenti in passato.

 

MilleUnaCina 2012

milleunacina_2012_posterÈ davvero strano, e non è la prima volta che lo scrivo, che una città come Napoli non abbia un festival annuale dedicato al cinema o alle culture asiatiche. È strano proprio per la grande tradizione di studio di quelle particolari aree geografiche che Napoli ha grazie alla sede dell’Università Orientale, la più antica d’Europa per questo specifico settore.

 

Barbie (2011)

barbie_0Lee Sang-woo non ha paura di tirare pugni nello stomaco, anzi sembra farlo in modo programmatico, tenendo al centro un discorso sull'implosione del nucleo familiare. Dopo il ritratto abusivo padre-figlio di Tropical Manila (2008) e quello livido dei genitori nel dittico Father is a Dog (2010) e Mother is a Whore (2010), Barbie si concentra su una coppia di sorelle ancora bambine, figlie di un uomo con ritardi mentali, pronte a essere vendute sul mercato nero a uno statunitense, con la complicità dello zio. Ne emerge un universo opprimente di povertà e disperazione, senza futuro, che all'innocenza di sguardo del mondo infantile oppone lo spietato nichilismo degli adulti. Lee non sovraccarica artificiosamente la tensione, anzi stempera lo sguardo con parentesi quotidiane di estrema dolcezza, e questo non fa altro che rendere ancora più insopportabili gli affondi.

 

Damn Life (2011)

damn_life_0Un esordio indipendente a basso costo diretto e non rifinito nella sua cruda urgenza, diffuso sotto l'egida del Pia Film Festival, da decenni fucina del nuovo cinema giapponese, che ha premiato l'opera con il Grand Prix. Oltre a dirigere, Kitagawa Hitoshi scrive, fotografa e monta una storia tra il thriller, la commedia e il grottesco su incomunicabilità, umano istinto di prevaricazione sui più deboli, solitudine e miseria. Con prevalenza di long take a macchina fissa e la sostanziale invarianza della location (i pressi di una diga dai contorni sfocati), Damn Life cerca di scavare sotto la patina di inconcludenza e bassezze di un gruppo di operai non specializzati che, nel ciclo di incomprensioni che li vede coinvolti, si trasformano da carnefici a vittime.

 

SISTER GENERATOR (2009)

sister_generatorSamura Hiroaki, noto soprattutto per il seinen ad ambientazione storica L'immortale, raccoglie in volume unico una sfuggente miniserie e sei storie brevi, apparse su rivista tra il 2003 e il 2009. Dal registro comico a quello più sottilmente erotico, dalle minute divagazioni sulla quotidianità al western, si tratta di una collezione eclettica e altalenante, impreziosita dal tratto nervoso e ricco di sfumature del disegnatore.

 

We Can't Change the World But We Wanna Build a School in Cambodia (2011)

we_cant_change_the_world_0Fukasaku Kenta, convinto fautore di una rilettura del cinema di genere in chiave pop, cambia apparentemente tenore con un film motivazionale, ispirato a una storia vera, su un gruppo di studenti universitari giapponesi che in piena solitudine decide di raccimolare i (tanti) soldi necessari a costruire una scuola in Cambogia. In realtà il taglio impegnato e realista, che segue con empatia le difficoltà, i ripensamenti, i malumori e le gioie degli amici impegnati nell'impresa, continua quell'indagine in filigrana sui giovani iniziato sottotraccia nella saga di Battle Royale (2000-3), o nei film più strampalati come X-Cross (2007) e Black Rat (2010), solo con intento formativo più evidente.

 

Takeaway China 2012

takeaway_china_2012_logoUn bella iniziativa questo Takeaway China, che si è svolto dal 23 gennaio al 6 febbraio 2012 a Glasgow, in Gran Bretagna. Un festival indipendente che si propone di celebrare il cinema e la fotografia della Cina contemporanea. E ci riesce bene, con una bella selezione di pellicole, tavole rotonde e mostre presso il Centre for Contemporay Arts di Glasgow e il Glasgow Film Theatre.

 

Peach Tree, The (2011)

peach_tree_0Secondo lungometraggio da regista per la giovane attrice Koo Hye-sun - classe 1984, nota soprattutto per il ruolo di Jan-di nella serie Boys Over Flowers (2008) - dopo i pareri contrastanti sul suo esordio (Magic, 2010). In questo caso sceglie la storia di due gemelli siamesi uniti alla testa che si innamorano della stessa ragazza, mettendola in scena come una favola nera dal tono trasognato. L'intento non è la verosimiglianza, a partire dall'evidenza delle protesi utilizzate per dare l'illusione dell'unione dei due corpi, ma di parabola in grado di mettere in luce un dilemma morale, la cui drammaticità è irrobustita da dialoghi enfatici e dispiego di spleen esistenziale. La narrazione frammentaria e la scrittura criptica di personaggi e avvenimenti non facilitano la fruizione.

 

Poongsan (2011)

poongsan_0Lo chiamano Poongsan, perché è aggressivo e implacabile come un poongsan dog e perché fuma sempre sigarette Poongsan. È un uomo misterioso e silenzioso, capace di attraversare la DMZ che divide Nord e Sud della Corea in tre ore, anche solo per far passare dei filmati di anziani amanti separati dal filo spinato e desiderosi di vedersi, benché in video, un'ultima volta. Inviato per recuperare una donna del Nord e portarla al Sud, però, avviene l'imprevisto e tra i due comincia a farsi strada l'amore. Complicando ancor più la situazione.

 

STRANA STORIA DELL'ISOLA PANORAMA, LA (2008)

strana_storia_isola_panoramaRiadattando un racconto di Edogawa Ranpo, Maruo Suehiro si addentra nella psiche contorta di Hirosuke Hitomi, scrittore squattrinato ossessionato dalla realizzazione di una utopia paradisiaca in cui trovi sfogo la sua fantasia perversa. Con uno stile di disegno estremamente raffinato, caratterizzato dalla costruzione meticolosa delle inquadrature in tavole ariose e particolareggiate, Maruo precipita lentamente verso un'esplosione di costruzioni e soluzioni fantastiche al limite dell'onirico che mescolano spudoratamente eros e thanatos. Pur senza rinunciare agli slanci ero-guro per cui è noto, riesce a ricostruire alla perfezione le ambientazioni decadenti di inizio '900, cogliendo la sottile perversione delle storie di Edogawa sotto la patina di incubi gotici debitori di Edgar Allan Poe.

 

About the Pink Sky (2011)

about_the_pink_sky_0Esordio nel lungometraggio di Kobayashi Keiichi dopo pubblicità, video musicali e un paio di progetti in video, girato in un luminoso bianco e nero per cogliere le sfumature del presente che costantemente scolora nel passato. Un dramma adolescenziale minimale, in grado di costruire un microcosmo vibrante nella sua quotidianità spicciola, aperto allo stupore e alla scoperta del senso profondo dell'amicizia.

 


Page 17 of 32
Share on facebook