You are here:   Home

Ultimi aggiornamenti

Confucius / Confucio (2010)

confucius_0V secolo a.C.: il saggio Kong Qiu – per l'occidente sarà Confucio – viene accolto a corte dal re di Lu, nella speranza che il suo contributo possa moderare la barbarie diffusa nel regno, preda di faide tra i suoi feudatari. Tanto su questioni di pace che in faccende di guerra, Kong Qiu si distingue per le sue brillanti intuizioni, divenendo Capo Consigliere e attirandosi le ire dei vassalli del re, desiderosi di sbarazzarsi dello scomodo filosofo. Costretto all'esilio, Kong Qiu inizia una lunga peregrinazione per i regni cinesi, senza mai rinunciare ai suoi ideali né alla speranza di tornare a Lu.

 

Winter Vacation (2010)

winter_vacation_0Il cinema cinese - dove per Cina si intende quella Popolare e continentale - soffre di due patologie gravi: il confronto con un potere politico che non lascia scampo alla creatività e una tendenza, spesso perniciosa, al gigantismo. Quando questi due grandi nemici sono aggirati - fenomeno che avviene assai di rado - piovono opere di rilevanza assoluta, tanto più se si pensa alle difficoltà affrontate per portarle a termine (si pensi a Wang Bing, per esempio). Tra queste non può che figurare Winter Vacation, un vero e proprio corpo estraneo nella produzione nazionale: potrebbero appartenere a un Kaurismaki corrosivo o a un episodio di South Park i dialoghi di un film che uccide con sistematicità ogni parvenza di ritmo narrativo per obbligare il pubblico a vivere la medesima stasi che regna nel gelo della Mongolia cinese.

 

Scotland Loves Anime 2011

scotland2011_tekken_blood_vengeanceAlla sua seconda edizione, Scotland Loves Anime si conferma una bella realtà in continua espansione. Una manifestazione completamente dedicata al mondo dell’animazione giapponese, unico caso in Gran Bretagna. Ospitata per due weekend consecutivi presso il Glasgow Film Theatre (7-9 ottobre) e l’Edinburgh Filmhouse (14-16 ottobre), è stata ricca di proiezioni così come anche di incontri con autori e produttori.

 

Gantz: Perfect Answer (2011)

gantz_perfect_answer_0Seconda parte della trasposizione del manga di Oku Hiroya che tenta di tirare le fila della storia, ampliando la portata dello scontro tra alieni e umani reclutati dalla sfera Gantz. La conclusione presenta una narrazione più sfilacciata, complice il lungo recap inserito a inizio film, che mortifica il ritmo dell'incipit, e l'introduzione di almeno un personaggio - il detective - inessenziale ai fini della comprensione, ma dispendioso in termini di compattezza. Nel complesso rimangono un paio di sequenze d'azione di massa ben coreografate, più convincenti rispetto a quelle della prima parte, e un finale risolutivo pur senza grandi rivelazioni o spiegazioni, che lascia la giusta dose di ambiguità.

 

Space Battleship Yamato (2010)

space_battleship_yamato_0Yamazaki Takashi, forte del successo del franchising nostalgico Always - Sunset on Third Street, iniziato nel 2005 e con un terzo episodio in arrivo nel 2012, affonda il suo passato, anche di appassionato di effetti visivi, nella fantascienza, prima con Juvenile (2000), poi soprattutto con il derivativo Returner (2002). La trasposizione del conosciuto manga di Matsumoto Leiji, già tradotto più volte in animazione (tre serie tv tra 1974 e 1981, sei lungometraggi, l'ultimo dei quali distribuito nel 2009), è una sorta di coronamento della carriera, per un blockbuster ad alto contenuto d'effetti speciali che ha ormai il sapore di un simbolo culturale. Il risultato è altalenante, incatenato a una marcata e reiterata retorica del sacrificio non supportata da storia e personaggi sufficientemente elaborati.

 

Ariyoshi Sawako, KAE O LE DUE RIVALI (1966)

kae_o_le_due_rivaliTra le scrittrici più rappresentative e importanti del secondo dopoguerra, Ariyoshi Sawako (1931-1984) ha indagato nei suoi romanzi diverse questioni sociali irrisolte, dall'ecologia al razzismo, partendo dal punto di vista femminile. In questo romanzo storico, che si dipana nell'arco di oltre cinquant'anni tra '700 e '800, parte da fatti storici accertati - la prima anestesia operatoria a livello mondiale, tramite una soluzione d'erbe scoperta dal medico Hanaoka Seishu - per raccontare lo scontro di personalità tra nuora e suocera nel contesto tradizionale. Un rigoroso spaccato d'epoca capace di ricreare il fermento di un Giappone ancora chiuso in sé stesso e insieme di far emergere le contraddizioni della condizione della donna.

 

Intervista a Hein S. Seok

hein_s_seok_(foto_di_geekstinkbreath)Hein S. Seok è una giovane regista americano-coreana, diplomatasi in Storia dell’Arte e in Cinema presso la Tisch School of Arts della New York University e specializzatasi presso il California Institute of Arts. Dedicatasi alla regia e alla produzione documentaria, realizza nel 2008 The House of Sharing: si tratta di un lavoro toccante, che racconta le vite delle cosiddette “comfort women”, le donne costrette a prostituirsi dai soldati giapponesi durante l’occupazione della Corea nel corso della Seconda Guerra Mondiale. Seok raccoglie le memorie delle ormai anziane sopravvissute che sono anche il cuore e l’anima del museo e dell’organizzazione The House of Sharing, da cui il nome del documentario, che da anni accudisce queste sopravvissute e lotta perché il governo giapponese riconosca i crimini commessi.

 

Tomorrow's Joe / Ashita no Joe (2011)

tomorrows_joe_0Trasposizione dal vivo del manga scritto da Kajiwara Ikki (con lo pseudonimo Takamori Asao, vicino al suo nome reale Takamori Asaki) e disegnato da Chiba Tetsuya, serializzato dal 1968 e trasposto in due serie animate tra il 1971 e il 1980, trasmesse più volte anche in italia con il titolo Rocky Joe. Con una ricostruzione imponente delle ambiguità economiche del giappone di fine anni '60, che appaiava grandi realtà industriali e progresso sfrenato a baraccopoli in cui convivevano burakumin, yakuza e diseredati di varia provenienza, Sori Fumihiko conferma di padroneggiare l'afflato epico delle produzioni commerciali, come già dimostrato in Ichi (2008), nell'animazione di fantascienza Vexille (2007) e in Ping Pong (2002). Un film sulla boxe come orizzonte di riscatto e insieme metafora delle avversità, in cui la competizione diventa ossessione quasi nichilista per attestare la propria esistenza.

 

Gantz (2011)

gantz_0Dal manga di Oku Hiroya, la cui serializzazione è iniziata nel 2000, e conseguente serie animata del 2004, un film di fantascienza diviso in due parti che innesta riflessioni metafisiche ed esistenzialismo adolescenziale in un contesto action. Questa prima parte, uscita in Giappone nel gennaio 2011, si occupa di introdurre i personaggi e dà il via ai sanguinosi scontri contro gli alieni gestiti dalla misteriosa sfera Gantz. La seconda parte, Gantz: Perfect Answer, girata back to back, è uscita nell'aprile 2011, dopo lo speciale televisivo Another Gantz, che riassumeva il primo episodio interlacciandolo a scene inedite con protagonista un reporter. Sato Shinsuke, a suo agio nelle ricostruzioni d'azione, come dimostrato dall'esordio con Princess Blade (2001), gestisce con schiettezza i diversi riferimenti, puntando sul feticismo hi-tech, sul look alla moda dei due protagonisti e sui conflitti irrisolti che si vengono a creare nel limbo in cui si ritrovano. Sulla lunga distanza i combattimenti sono ripetitivi, ma il lavoro di cesellamento rispetto alle fonti originali è proficuo, in grado di sostenere le aspettative.

 

ArteCinema 2011

artecinema_ingressoArteCinema è un festival del cinema davvero particolare, se non unico, dedicato a corto o mediometraggi documentari dedicati ad artisti contemporanei. Proprio questa sua peculiarità ne ha decretato il successo, facendolo giungere alla 16° edizione, che si è svolta, come ogni anno, nella prestigiosa sede del Teatro Augusteo di Napoli, uno spazio con più di 1.400 posti, dal 13 al 16 ottobre. Molti e di grande prestigio sono stati gli artisti, tra pittori, fotografi, architetti e altro, protagonisti dei documentari in rassegna - si va da Banski a Sol Lewitt, da Rebecca Horn a Zaha Hadid, per arrivare a Basquiat, Oliviero Toscani e Anich Kapoor. Tra queste “mini-sezioni” monografiche, due sono state dedicate ad artisti dell’estremo oriente.

 

Tormented / Rabbit Horror 3D (2011)

tormented_0Unico lungometraggio stereoscopico in programma alla 68a Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, Tormented /Rabbit Horror 3D (Rabitto horaa 3D) è il seguito ideale del precedente film di Shimizu Takashi, The Shock Labyrinth, presentato due anni fa come primo film giapponese in 3D. Shimizu non è un nome nuovo per il festival: la sua prima partecipazione è avvenuta nel 2004 all'epoca di Marebito, proprio per volere del direttore Marco Müller che ne aveva fatto una delle grandi rivelazioni del cinema giapponese.

 


Page 17 of 28
Share on facebook
This site uses encryption for transmitting your passwords. ratmilwebsolutions.com