You are here:   Home

Ultimi aggiornamenti

Intervista a Igarashi Kohei

igarashi koheiNato a Shizuoka nel 1983, Igarashi Kohei si è laureato in cinema alla Tokyo Zokei University. Nel 2008 dirige il suo lungometraggio d’esordio, Voice of Rain That Comes at Night, selezionato al Cinema Digital Seoul Film Festival (CINDI). Si diploma quindi al corso di specializzazione della Tokyo University of the Arts, con Hold Your Breath Like a Lover come diploma, film che viene presentato poi nel concorso Cineasti del presente del Festival di Locarno. Abbiamo incontrato il giovane regista alla manifestazione ticinese.

 

Intervista a Park Jungbum

park jungbumDopo vari cortometraggi, Park Jungbum esordisce alla regia di un lungometraggio con The Journals of Musan, nel 2010, film che ottiene vari riconoscimenti, tra cui il Tiger Award a Rotterdam e il Best New Narrative Director al Tribeca. Nel 2013 dirige un segmento del film collettivo If You Were Me 6. Con Alive torna a raccontare di situazioni di marginalità e disagio, seguendo dei lavoratori di uno stabilimento di pasta di soia. Abbiamo incontrato Park Jungbum a Locarno, dove il film è stato presentato in concorso.

 

Intervista a Ikeda Akira

rotterdam 2014 ikeda akiraGrande successo a svariati festival internazionali, Pia, Vancouver e Rotterdam, Anatomy of a Paperclip è l’opera seconda del giovane filmmaker indipendente Ikeda Akira. Una storia grottesca, stilizzata, caricaturale, ambientata in un piccolo stabilimento dove si producono, a mano, graffette. Una metafora di una società alienata in cui non c’è più spazio per i rapporti umani. Abbiamo incontrato il regista durante l’International Film Festival Rotterdam 2014, accompagnato da due degli interpreti del film, Tomomatsu Sakae e Kato Kazutoshi.

 

Tabloid Truth (2014)

tabloid truth 0Dopo l'affabile My Dear Desperado (2010), Kim Kwang-sik torna con un film decisamente più ambizioso che parte da temi particolarmente sentiti in Corea del Sud di questi tempi, come l'effetto del gossip indiscriminato e il lato oscuro degli attori, seguendo la scia di film come Top Star (Park Joong-hoon, 2013) e Norigae (Choi Seung-ho, 2013). Tabloid Truth abbandona però presto il terreno delle maldicenze per trasformarsi in un thriller esagerato che cerca di unire complottismo alla Moby Dick (Park In-je, 2010) e violenza alla The Man from Nowhere (Lee Jeong-beom, 2010).

 

MilleUnaCina 2014

milleunacina 2014Svoltosi dal 20 al 26 ottobre 2014 tra Palazzo Du Mesnil, Accademia di Belle Arti, Tunnel Borbonico, Teatro Mercadante e PAN, MilleUnaCina copre da anni un vuoto: quello di avere un festival orientale, in questo caso cinese, a Napoli, città che storicamente ha sempre avuto una vocazione verso l'Asia. E una tale kermesse non poteva non nascere proprio dall'Università L'Orientale e dal locale Istituto Confucio.

 

100 Yen Love (2014)

100 yen love 0Take Masaharu si è sempre in qualche modo interessato alla marginalità, dai sobborghi coreani di Café Seoul (2009) agli adorabili transessuali di Eden (2012): in 100 Yen Love segue la storia di una trentenne perdente a vita, costruendone un ritratto pestifero e in qualche modo dolce. Presentato al Tokyo International Film Festival 2014, nella sezione Japanaese Cinema Splash, dove ha vinto il premio per il miglior film, è un racconto spigoloso, sgranato, talvolta scorretto, eppure sorprendente.

 

Kyoto Elegy (2014)

kyoto elegy 0Sugino Kiki, attrice e produttrice, è una degli astri nascenti della scena indipendente asiatica. Nata a Hiroshima nel 1984, di origini nippo-coreane, ha prodotto Fukada Koji (Hospitalité, Au revoir l'été), Uchida Noboteru (Odayaka), Lim Kah-wai (Magic and Loss). Il 2014 è stato un anno impegnativo per lei, visto che ha esordito alla regia lavorando a ben tre lungometraggi. Kyoto Elegy, presentato nella sezione Asian Future del Tokyo International Film Festival 2014, è il suo esordio, in ordine cronologico, anche se il film è stato proiettato dopo Taksu (selezionato a Busan). In attesa di anteprima c'è anche Boy's Dream.

 

Rotterdam International Film Festival 2014

rotterdam 2014 locandinaUn palmares dominato dal Far East per l’edizione 2014 dell’International Film Festival Rotterdam, la seconda con la direzione artistica ad interim di Mart Dominicus per la temporanea assenza per motivi di salute del direttore Rutger Wolfson. Il primo Tiger Award infatti è stato assegnato al film giapponese Anatomy of a Paperclip di Ikeda Akira, film del Pia Film Festival, ambientato in una piccola fabbrica di graffette, dove lavorano pochi operai realizzandole a mano piegando un filo di ferro.

 

Intimalente: Festival di Film Etnografici 2014

intimalente locandina 2014Intimalente - Festival di Film Etnografici, tenutosi l'8 e il 9 novembre 2014 presso l'Officina Teatro di San Leucio (Caserta), rappresenta una piccola realtà cinematografica, ma non per questo di poco interesse. Si tratta in effetti di una di quelle pregevoli manifestazioni che molte volte non trovano l'attenzione da parte delle istituzioni e dei governanti locali e regionali, per colpa dell'inerzia di questi, ma che paradossalmente e non sorprendentemente riscuotono successo e eco all'estero.

 

Red Detachment of Women, The (1961)

red detachment of women 0Tra i film più significativi del periodo maoista, che va dalla definitiva presa del potere nel 1949 agli esordi della Rivoluzione Culturale nel 1966, The Red Detachment of Women è un maestoso film di guerra che unisce tenore propagandistico, fervore militante e potenza impressionistica delle immagini. Il regista, Xie Jin, dal ritmo classico, ma tutt'altro che prono ai soli dettami di propaganda, torna a guardare al mondo femminile, facendone una metafora dello sfruttamento delle classi agiate sul proletariato contadino.

 

Ecotherapy Getaway Holiday (2014)

ecotherapy getaway holiday 0Il regista di A Story of Yonosuke (2013) e The Woodsman and the Rain (2011) torna con un'altra commedia stralunata e atipica su un gruppo di ultra-quarantenni perse in un bosco. Presentato al Tokyo International Film Festival 2014 come Ecotherapy Getaway Holiday, è conosciuto anche come Go See the Fall, traduzione letterale del titolo giapponese Taki wo mini iku.

 


Page 1 of 32
Share on facebook